giovedì 20 novembre 2014

Inserimento al nido - istruzioni per l'uso

Al quinto giorno di inderimento al nido, anche se non è concluso del tutto, mi sento pronta per raccontarvi la nostra esperienza.
Sì, perchè non è un'esperienza che vice solo nostro figlio ma è un'esperienza importante anche per noi genitori. 
[premessa] Io sono pro asilo nido, l'ho frequentato io stessa e sono convinta che sia una struttura utile e stimolante per i bambini e per le famiglie.
Dopo questa premessa vi racconto questo inizio per noi.
Curiosità. In me i primi giorni c'era tantissima curiosità di vedere Pietro in uno spazio a misura di bambino in tutto e per tutto, in un ambiente con i suoi coetanei (è un gruppo di 10 bambini misto dagli 11 mesi ai 2-3 anni), con una maestra che avrebbe focalizzato come punto di riferimento. 
Ammetto di averlo spiato per vedere com'era, cosa faceva e come si atteggiava. Credetemi che nonostante noi mamme conosciamo i nostri bimbi, nello spiarli rimaniamo spesso sorpresi da loro. 
Possibilità di fare nuove esperienze. Sì, vedo questa esperienza come un'oppurtunità che sto dando a mio figlio di socializzare, di giocare, di cambiare ambiente per qualche ora, di crescere con altri bambini, facendo solo cose da bambini.
C'è stata la "delusione" da parte mia del primo -non pianto- per averlo lasciato li. Tutte le altre mamme si sono complimentate con me e io sorridevo pensando: "ma perchè non ha pianto? Già non gli interessa più di me?". Poi si è rifatto con interessi quando sono andata a riprenderlo e la volta successiva, facendo risalire il mio "figlismo". 
Certo ci sono anche i sensi di colpa e le mille domande: se è proprio giusto, se starà bene, se...ma...se. E quando mai mancano ste domande??
E poi c'è la mammite acuta per le due-tre ore successive, in cui esistono solo coccole, coccole e coccole. La parte speciale conclusiva. 
L'inserimento è ancora in corso ma io sono felice per lui e pure un po' per me. 
E voi come l'avete vissuto l'inserimento!? 
Vi ritrovate nelle mie parole?
Rà <3


4 commenti:

  1. Io a gennaio tornerò al lavoro e Bianca starà con mio padre per ora e già sono preoccupata così. 🙈🙈 speriamo bene dai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Normale direi, anche se loro risentono molto del nostro stato d'animo. Comunque vedrai che andrá benissimo. Un abbraccio forte a voi cara

      Elimina
  2. L'inserimento di Leo e' andato proprio come il tuo, abbiamo fatto le cose gradualmente e la difficoltà maggiore l'ho avuta io perché per lui, quel posto era tipo un parco giochi. Con il senno di poi posso dirti che avevamo scelto bene, perché a distanza di due anni, ancora lui si ricorda ed ora che ci va la sorella, passa insieme a me a trovare le maestre che lo accolgono sempre a braccia aperte. L'inserimento di Teresa invece e' andato diversamente perché ci si e' messo un imprevisto di lavoro che mi ha fatto accelerare i tempi quindi dal primo giorno dove siamo state insieme per un'oretta, e' passata subito al secondo giorno in cui l'ho lasciata li da sola per due ore filate. La prima settimana e' scorsa via senza pianti, la seconda qualche frignerò l'ha fatto ma ora più niente, mi saluta felice e non mostra nemmeno più entusiasmi quando vado a riprenderla. :-(((

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Te sei la mia conferma personale che ogni bambino, nonostante gli stessi genitori, sono diversissimi tra loro. Un abbraccio forte

      Elimina

Lasciami un tuo commento, sono la parte più bella e impreziosiscono il blog!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

amazon informatica