mercoledì 16 aprile 2014

La prima influenza da mamma

Da questa mattina Pietro ha la febbre, siamo andati dal pediatra e dopo averlo visitato ci ha dato antibiotico, fermenti lattici e tachipirina al bisogno. Ma non é ovviamente dell'influenza in sé di cui voglio parlarvi ma bensí dell'influenza vissuta da mamma.
Visto che per fortuna fino ad oggi Pietro non si era mai ammalato, per lui e pure per me questa é la prima febbre. Dopo avergli misurato la febbre ho preso il cellulare e ho chiamato la mia di mamma dicendole testuali parole: Ciao mamma, Pietro ha la febbre 38,4 che dici chiamo il pediatra?
Nel pronunciarle mi son sentita una perfetta idiota, perché mio figlio ha quasi 38,5 di febbre e io chiedo conferma a mia mamma se devo sentire il peddy....
Dopodiché ho guardato gli orari del pediatra ed erano 15:20 e lo studio apriva alle 15:30. Ho passato quei dieci minuti alternando frasi del tipo: "Povero pulci (si lo so lo chiamo Pulci, abbreviativo di pulcino...odiatemi pure) con la febbre" a Pd altre del tipo "dai amore vedrai che passa subito". Insomma ero in tilt...perché volevo apparire energica e sicura di me ma sapere che Pietro stava male mi abbatteva. Fortunatamente il pediatra alle 15:31 mi da appuntamento per le 17 e il tempo di dargli un po' di merenda, rimisurargli la febbre e cambiarlo che non ho avuto molto tempo per andare nuovamente in tilt.
Dopo la visita e dopo aver speso 25 euro per tre cose in farmacia, siamo rientrati a casa e li me lo sono coccolato...anche perché voleva stare solo in braccio. Vederlo deboluccio, con le guanciotte rosse e gli occhietti lucidi mi stringeva il cuore ma allo stesso tempo mi riportato indietro di un po' d'anni fa a quando ero io ad avere la febbre e era la mia mamma che mi coccolava... Ho capito quanto una mamma puó soffrire per anche solo un'influenza di un figlio soprattutto per la prima, anche se mi sa che non ci si fa mai l'abitudine...e a quanto i bimbi si tranquillizzano solo stando con la loro mamma.
In altre parole oggi ho scoperto un'altra faccia di questa medaglia dalle mille facce dell'essere mamme e seppur veder star male Pietro sia la piú brutta cosa in assoluto, sapere di poter farlo star un pochino meglio solo curandolo e coccolandolo mi rende una mamma orgogliosa.
Non so se effettivamente questo post abbia senso, forse si o forse no...ma visto che condivido con voi le varie fasi della mia vita e della mia esperienza da mamma volevo condividere con voi anche questa mia riflessione, magari contorta eh...ma che ci volete fare...ormai dovete tenermi cosí.
Ora, dopo essermi pappa una ciotola di fragola con zucchero e panna (se Pietro ci fa fare nottata devo avere le giuste energie XD) vi auguro una dolce notte,
Rá <3

2 commenti:

  1. Ho vissuto anch'io la prima febbriciattola quando la mia bimba aveva 9 mesi, andava e veniva, non era mai alta ed il pediatra era sempre aggiornato. Non ero agitata, mi sentivo decisa poi l'ho vista tremare fortissimo una volta a pranzo e siamo corsi in ospedale ... 1 giorno in quell'ambiente mi è bastato per tante, tantissime emozioni bruttissime. Era un'infezione alle vie urinarie, non ero in panico per quello ma tanto per il contorno e la nottata al pronto soccorso. Credo di essere morta in quelle 24 ore!
    Ti capisco cara!
    Abbraccione grande

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cavoli immagino la sensazione di disagio e le sensazioni che devi aver provato....grazie mille <3 qui oggi va un pochino meglio...ma ha ancora la febbre. un abbraccio a voi <3

      Elimina

Lasciami un tuo commento, sono la parte più bella e impreziosiscono il blog!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

amazon informatica